Brescia, protocollo anti inquinamento in vigore

Regione Lombardia con Anci, Arpa e le province hanno firmato un protocollo per tenere sotto controllo l'inquinamento, con nuove misure di sicurezza.

(red.) Oggi, 18 ottobre 2016, è entrato in vigore il protocollo di collaborazione per il miglioramento della qualità dell’aria della Regione Lombardia, insieme ad Arpa e Anci.

Hanno sottoscritto l’accordo più di 500 comuni, tra cui 50 bresciani, con lo scopo di tenere sotto controllo le emissioni inquinanti. Anche le auto diesel euro 3 avranno delle restrizioni: non potranno circolare dopo 7 giorni in cui il pm10 supera i 50 grammi per metro cubo d’aria. Lo stop sarà dalle 9 alle 17 per le diesel euro 3 e dalle 8.30 alle 9.30 per i veicoli d’uso commerciale. Inoltre il divieto, dopo i sette giorni di stop, impedirà la circolazione alle auto diesel euro 2. Vietato anche utilizzare gli impianti domestici alimentati a legna.

Altra misura sarà quella di non superare i 19 gradi per gli impianti di riscaldamento, insieme al divieto a tutti i mezzi di sostare con il motore acceso. Se poi si verificassero 7 giorni consecutivi in cui il pm10 superi i 70 grammi per metro cubo d’aria, le auto euro 3 non potranno circolare dalle 7 alle 19.30, e i veicoli commerciali si dovranno fermare dalle 7.30 alle 9.30 e dalle 18 alle 19.30.

Tutte le limitazioni verranno tolte una volta che i parametri saranno rientrati nei limiti prestabiliti per due giorni di fila. Il protocollo rimarrà in vigore fino al 15 aprile 2017.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.