Le rubriche di QuiBrescia - AMBIENTE & SALUTE

San Polo: “Centraline antinquinamento bloccate dal comune”

I Verdi-Europa Verde protestano con l'assessorato all'Ambiente della città: centraline Arpa lasciate senza corrente elettrica.

(red.) Con un comunicato i Verdi Europa-Verde di Brescia sollecitanol’assessorato all’Ambiente del comune ad attivarsi per mettere in funzione due nuove centraline di misurazione dell’inquinamento atmosferico: “Abbiamo chiesto e continuiamo a chiedere che vengano installate centraline per misurare l’inquinamento atmosferico nella nostra città in modo che si possa avere un approccio scientifico serio per affrontare tale problema. Più volte il sindaco incontrando gli ambientalisti ha detto che avrebbe installato delle centraline per monitorare l’ inquinamento dell’ aria. Purtroppo dopo due anni (ottobre 2018) i cittadini di San Polo, via Sabbioneta angolo via Asola, stanno ancora aspettando che vengano allacciate le due nuove  centraline”.

La nota rivela che “L’Arpa dopo una precisa richiesta di un cittadino che chiedeva chiarimenti rispondeva in questo modo: ‘In riferimento alla sua richiesta, datata 21/02/2020 e pervenuta in Agenzia in data 27/02/2020 (prot. 30031), si comunica che la mancata attivazione delle due nuove stazioni di monitoraggio della qualità dell’aria bresciane è dovuta al fatto che non è ancora disponibile l’alimentazione elettrica: la procedura di acquisizione dell’allacciamento, avviata nel mese di ottobre 2018 e oggetto di diversi solleciti, è tuttora in corso e auspicabilmente dovrebbe concludersi nelle prossime settimane'”.

“Chiediamo come Verdi-Europa Verde Brescia all’assessore all’ambiente del comune di Brescia Miriam Cominelli di attivare gli allacci, richiesti dal 2018 da Arpa delle due nuove centraline per il monitoraggio dell’aria già installate in San Polo, via Sabbioneta angolo via Asola”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.