Quantcast

Siccità, Rolfi: “Destinare fondi meccanizzazione ad irrigazione”

La proposta dell'assessore regionale all'Agricoltura è di utilizzare i 500milioni di euro del Pnrr in innovazione irrigua, vista la crisi idrica che sta attanagliando la Lombardia.

Brescia. «Indirizzare verso l’innovazione in campo irriguo i fondi del Pnrr attualmente dedicati alla meccanizzazione agricola».
Lo ha detto l’assessore regionale lombardo all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi, il bresciano Fabio Rolfi, intervenuto mercoledì mattina all’assemblea di Assolatte a Milano. La proposta sarà formalizzata attraverso una lettera che sarà inviata al ministero dell’Agricoltura.

«C’è una disponibilità di 500 milioni di euro. Le risorse – ha aggiunto l’assessore – vanno messe a terra guardando alla vera priorità: accompagnare le imprese nella fase di transizione ecologica attraverso l’innovazione con macchinari, attrezzature e impianti che permetterebbero di razionalizzare le risorse ed efficientare l’uso dell’acqua. Dobbiamo spendere bene questi fondi e, mentre il processo di meccanizzazione agricola è già realtà o in uno stato avanzato in diversi comparti, a livello irriguo è necessario aumentare il livello di innovazione. Per questo chiediamo di finalizzare questo fondo a disposizione a una misura nazionale da affidare a Ismea per sostenere con forza le imprese nelle scelte di investimenti. Oggi prioritaria è l’innovazione irrigua, introducendo nelle filiere agro-zootecniche tutto ciò che mette a disposizione la tecnologia anche per salvaguardare la redditività delle imprese».

«Il quadro climatico – ha concluso Rolfi – è profondamente cambiato come testimonia la crisi idrica di queste settimane. Dobbiamo investire per far sì che le aziende si dotino di impianti di irrigazione intelligente, come fertirrigazione o subirrigazione. L’utilizzo della risorsa acqua sarà sempre di più un asset strategico per lo sviluppo delle imprese e servono scelte concrete e rapide. Questa è una opportunità fattibile».

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.