Quantcast

La siccità presenta il conto all’agricoltura: 3 miliardi di danni

Il presidente Ettore Prandini scrive a Draghi chiedendo «che venga dichiarato al più presto lo stato di emergenza nei territori interessati con l’intervento del sistema della Protezione civile».

Brescia. I danni legati alla siccità presentano il conto all’agricoltura: 3 miliardi di euro secondo le stime di Coldiretti che ha tracciato il bilancio (ancora provvisorio) di un 2022 eccezionalmente arido.
La richiesta dell’ente guidato dal bresciano Ettore Prandini è quella di «definire le priorità di uso dell’acqua disponibile, dando precedenza al settore agricolo per garantire la disponibilità di cibo». Per il presidente di Coldiretti è urgente «avviare un grande piano nazionale per gli invasi».

In una lettera inviata al presidente del Consiglio Mario Draghi chiede «che venga dichiarato al più presto lo stato di emergenza nei territori interessati con l’intervento del sistema della Protezione civile per coordinare tutti i soggetti coinvolti, Regioni interessate, Autorità di bacino e Consorzi di bonifica, e cooperare per una gestione unitaria del bilancio idrico».

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.