Quantcast

Suinicoltura, Rolfi: la filiera ritrovi l’unità e lavori sulll’indice dei prezzi

(red.) Regione Lombardia ha chiesto una nuova seduta tecnica a settembre del Tavolo suinicolo nazionale, previa ricomposizione, affinché si possa lavorare su un indice di riferimento per l’Italia per il prezzo delle carni. Lo rende noto l’assessore all’Agricoltura, Alimentazione e Sistemi verdi di Regione Lombardia, Fabio Rolfi, commentando la seduta del Tavolo suinicolo nazionale, riunito oggi in seguito alla richiesta urgente di Lombardia ed Emilia-Romagna.

“La Commissione unica nazionale – afferma l’assessore lombardo – è ferma a causa del ritiro da parte dei rappresentanti dei macellatori. La Lombardia condivide in pieno l’appello all’unità del ministro Patuanelli. La Commissione deve ricomporsi e rappresentare tutta la filiera, tornando a essere il luogo di determinazione partecipata, trasparente e concertata dei prezzi, a tutela dell’interesse di tutti gli attori coinvolti”.

“L’appello all’unità – aggiunge Rolfi – si inserisce anche nell’ambito dell’accordo di filiera promosso da Lombardia ed Emilia-Romagna, che a settembre entrerà nel pieno dell’operatività con un Tavolo di lavoro che avrà l’obiettivo di costruire una progettualità di lunga scadenza della filiera in ottica interprofessionale visto che manca purtroppo una aggregazione stabile per questo comparto”.

“La Lombardia – conclude l’assessore Rolfi – ha chiesto si raggiunga la definizione di prezzi equi, tenendo in considerazione le variabili che incidono. Tra queste, i costi delle materie prime e i prezzi esteri”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.