Quantcast

Giovani agricoltori under 40, 5,8 milioni destinati al Bresciano

(red.) Approvato da Regione Lombardia il bando per i giovani agricoltori under 40 che vogliono avviare un’impresa agricola.
Nel merito è intervenuto Floriano Massardi, vicecapogruppo della Lega al Pirellone.
“Si tratta di una misura che rientra nell’ambito di applicazione del Programma di Sviluppo Rurale 2014-2020 della Lombardia; la dotazione finanziaria complessiva è di un milione e 500mila euro e potrà essere incrementata a seguito delle modifiche apportate al Programma di Sviluppo Rurale.
Si tratta di un programma di enorme successo; basti pensare a come, con l’attuale Programma di sviluppo rurale, la Regione ha già stanziato 29 milioni di euro in favore di 1.141 giovani lombardi che hanno scelto il settore primario per avviare una attività o subentrare a nonni o genitori. Nella sola provincia di Brescia il numero di aziende agricole under 40 che sono state avviate grazie al contributo regionale, dall’avvio del Piano di Sviluppo rurale nel 2014, sono 229, con un totale di investimenti sul territorio bresciano di 5.850.000 euro.

L’aiuto è concesso sotto forma di premio ai giovani agricoltori, al primo insediamento come titolari d’azienda. I giovani agricoltori potranno beneficiare di un finanziamento di 40mila euro, in forma di contributi a fondo perduto. Questo finanziamento potrà arrivare fino a 50mila euro nel caso in cui l’azienda sia in territorio montano.
Le domande di partecipazione al bando potranno essere presentate tramite la piattaforma dedicata di Regione Lombardia ‘Bandi Online’ a partire da mercoledì 17 marzo”.
“I giovani in agricoltura apportano innovazione e nuove vedute aziendali, nella direzione di una sempre più marcata e crescente sostenibilità ambientale. Ben vengano perciò le misure in favore dei giovani, cui rivolgiamo la nostra massima attenzione per il futuro del settore”, conclude Massardi.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.