Formazione e innovazione nel progetto “Adamah” di AB e Inchiostro

L'Obiettivo? Creare una nuova modalità di interazione con il comparto agricolo della provincia di Brescia e Cremona.

(red.) L’agricoltura torna al centro dello sviluppo del territorio attraverso progetti innovativi. È infatti in fase di presentazione la candidatura al Bando Emblematici Maggiori per la provincia di Cremona del progetto “Adamah”, sviluppato da Inchiostro Cooperativa Sociale di Soncino (CR), anche grazie al fondamentale sostegno del Gruppo AB, pronto ad entrare nel capitale sociale di Inchiostro – nel caso il progetto venisse finanziato – ed a rimanere socio sovventore per tutta la durata dello stesso.
Questo progetto conferma l’attenzione del Gruppo AB al territorio ed il suo costante impegno a sostenerne lo sviluppo. Dall’incontro di queste due sensibilità è nata una attenta lettura del tessuto sociale che ha fatto emergere una serie di bisogni da tempo presenti, tra i quali quello di creare una nuova modalità di interazione con il comparto agricolo della provincia di Brescia e Cremona, limitrofe alla sede della scuola, per sostenere lo sviluppo delle imprese agricole locali.

 

Il Progetto ADAMAH, nato dalle idee e dalla passione del Team di Inchiostro, intende sviluppare – presso la sede di Inchiostro a Soncino, vicino alla meravigliosa chiesa di Santa Maria delle Grazie – un centro polifunzionale di eccellenza nel settore agro-alimentare che costituisca un riferimento territoriale per: la trasformazione agro-alimentare al servizio di produttori agricoli del territorio, cooperative agricole; la fruizione di attività formative di eccellenza (corsi scolastici in assetto lavorativo/master e laboratori didattici) riferite al settore agro-alimentare e dedicate a tutti i giovani, incluse le persone in stato di fragilità; l’inserimento lavorativo degli stessi giovani alla ricerca di un’occupazione all’interno delle attività legate al settore agro-alimentare; lo sviluppo e la promozione di una nuova politica agro-alimentare fondata sul modello dell’agricoltura biologica, dello sviluppo sostenibile e della biodiversità; la promozione nel territorio di una cultura alimentare equa, sana e rispettosa dell’ambiente.

 

Inchiostro Società Cooperativa Sociale gestisce da settembre 2017 tre trienni di qualifica professionale (Preparazione Pasti, Servizi di Sala e Bar, Preparazione Pasti personalizzato per diversamente abili) e due corsi di diploma (Tecnico di Cucina e Tecnico di Sala) e presso la propria sede di Soncino (CR) ha maturato una notevole esperienza formativa e commerciale attraverso la gestione ed il coordinamento di un ristorante didattico aperto al pubblico (ristorante alla carta, pranzi di lavoro, organizzazione di banchetti e cerimonie, mensa scolastica) che prevede il coinvolgimento diretto degli studenti dei corsi di formazione in attività e mansioni a supporto dei servizi ristorativi sotto il coordinamento dei formatori. Si tratta di un formidabile modello educativo, ispirato all’opera della Santa Paola Elisabetta Cerioli, replicabile in tanti altri settori (e quindi, tra questi, anche quello agricolo).

 

Uno degli strumenti è quindi parso essere la creazione di un polo di trasformazione agro-alimentare al servizio di agricoltori, produttori e cooperative agricole che potesse anche consentire di ampliare l’offerta formativa dell’Ente di formazione Inchiostro. Altra novità di assoluto rilievo regionale (e forse anche di più) la creazione di un orto biodiverso, con il quale si punta a costituire un ecosistema sostenibile e che ospiterà la coltivazione di varietà antiche di verdura e frutta (presto in vendita, sia come verdura fresca di stagione che come prodotto trasformato – in un caso e nell’altro, fondamentale sarà l’azione degli studenti dei corsi professionali di Inchiostro). Il nuovo progetto riuscirà quindi nell’obiettivo di valorizzare e capitalizzare la creatività come generatore di cultura e di sviluppo economico del territorio, di “fare formazione e cultura”. Target del progetto saranno anche le persone in stato di fragilità alla ricerca di un’occupazione (disabili e altre condizioni di fragilità sociale), tra i quali anche gli ex-alunni ed alunni dell’Ente di formazione Inchiostro (in modo particolare del Percorso Personalizzato per disabili); i produttori della filiera agroalimentare del territorio; associazioni culturali e di promozione sociale attive; le aziende locali  (alle quali proporre collaborazioni: da quelle di natura commerciale allo sviluppo di sinergie in termini di unione dei brand o di sviluppo di progetti comuni); i cittadini, come fruitori dei servizi offerti e anche i turisti, considerata la privilegiata posizione geografica di assoluto richiamo storico, artistico e naturalistico.

 

 

AB (www.gruppoab.com). Dal 1981 AB è al fianco delle aziende che vogliono accrescere la propria competitività, risparmiando energia e limitando le emissioni nell’ambiente, grazie a un know-how e una capacità produttiva consolidata nel tempo e a un servizio di installazione e assistenza post-vendita di elevata qualità. Le principali attività produttive e ingegneristiche sono concentrate nel moderno polo industriale di Orzinuovi (BS, Italia), dislocato su circa 34.000 mq di edifici. Il Gruppo conta oltre 1.000 dipendenti ed è presente con filiali dirette in 21 Paesi del mondo tra Europa, Russia, Nord e Sud America. Recentemente AB ha confermato ulteriormente la leadership nel settore della cogenerazione con lo sviluppo dei sistemi per la rimozione dei silossani e il trattamento del biogas da discarica. L’azienda ha inoltre potenziato l’impegno nell’ambito dei biocombustibili grazie alla messa a punto di sistemi per la purificazione e la liquefazione del biometano. La scelta “green” di AB ha portato anche ad intraprendere nuove strade, a cominciare dal trattamento delle emissioni in atmosfera, con l’acquisizione strategica di un’azienda specializzata nella progettazione, costruzione e installazione di impianti per l’abbattimento degli inquinanti.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.