Coltivare paesaggi resilienti: sabato incontro a Cerveno

Sabato 19 settembre alla casa museo di Cerveno è in programma la giornata dedicata al tema Coltivare Paesaggi Resilienti. Sarà un’occasione di riflessione sull’agricoltura di montagna sostenibile da un punto di vista ambientale e sociale e sulla capacità di resilienza di agricoltori e comunità alpine.
L’iniziativa è realizzata nell’ambito del progetto Coltivare paesaggi resilienti, in collaborazione con Legambiente e Rete Semi Rurali.
Coltivare paesaggi resilienti è un progetto del Biodistretto di Valle Camonica con la collaborazione dell’Associazione ValcamonicaBio, del Parco dell’Adamello e del Comune di Cerveno, realizzato con il contributo di Fondazione Cariplo.
Ecco il programma della giornata.

ORE 11.30 LEGAMBIENTE CONSEGNA LA BANDIERA VERDE AL BIO-DISTRETTO DI VALLE CAMONICA PER LA COSTRUZIONE DELLE RETE DI AGRICOLTORI
Intervengono: Vanda Bonardo, Carovana delle Alpi, Responsabile Alpi per Legambiente e Presidente di CIPRA Italia (Commissione Internazionale per la Protezione delle Alpi), Barbara Meggetto, Presidente Legambiente Lombardia

Ore 14 UNA RIFLESSIONE COMUNE SUL FUTURO DEGLI ALPEGGI
Introduzione: Damiano Di Simine, coordinatore scientifico Legambiente Lombardia, Enrico Ettore Calvo, ERSAF programmazione interventi e servizi per il territorio, la montagna e le filiere, Fausto Gusmeroli, Fondazione Fojanini di Studi Superiori
Dibattito. Intervengono oltre ai tre relatori: Maria Agostina Lavagnino, Responsabile dell’archivio di etnografia e storia sociale della Regione Lombardia, la candidatura Unesco del patrimonio alimentare delle Alpi, Guido Calvi, Responsabile Servizio Parco dell’Adamello e tutela ambientale della Comunità Montana di Valle Camonica, il progetto SOSALP, la gestione sostenibile dei pascoli alpini in siti Rete Natura 2000 nel Parco dell’Adamello, Sonia Spagnoli, allevatore e monticatore, Val Gabbia (BS). Modera: Elena Turetti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.