D‘Annunzio sempre più giù: crolla anche il cargo

28% in meno di merci in agosto rispetto allo stesso periodo del 2017 e in calo anche i pochi passeggeri. Il piano di investimenti al momento resta su carta.

(red.) Che all’aeroporto bresciano “Gabriele d’Annunzio” di Montichiari non ci fossero più passeggeri si sapeva da tempo, ma ora a preoccupare è anche il crollo del settore cargo su cui lo scalo puntava. Lo riporta Bresciaoggi citando la relazione mensile del portale “Assaeroporti” che in agosto ha indicato oltre il 28% di calo di trasporto merci per poco più di 1.700 tonnellate. Risibile il numero dei passeggeri, solo 337 sempre ad agosto, con un calo dell’80% rispetto allo stesso periodo del 2017.

Il crollo delle merci è legato anche ai voli settimanali da Hong Kong e Baku che non vengono più effettuati. E tutto questo incide sui pochi passeggeri, visto che calano anche quelli, tra imprenditori e volti noti, che sceglievano Montichiari per poi spostarsi sul lago di Garda. In sospeso sullo scalo bresciano c’è un piano di investimenti da 30 milioni di euro da parte della società Catullo per il rifacimento della pista, il prolungamento di quella verso Montichiari e la costruzione di una zona per i magazzini. Ma tutto resta ancora sulla carta.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.