Aeroporto, Fi e Lega: crediamo al rilancio

I membri regionali, provinciali e comunali contestano le decisioni prese ai piani alti per lo scalo bresciano. A partire dal centro profughi e il nuovo museo.

Più informazioni su

(red.) I membri regionali, provinciali e comunali (di Montichiari) della Lega Nord e Forza Italia venerdì 9 settembre si sono ritrovati per analizzare le possibili prospettive dell’aeroporto Gabriele D’Annunzio. Ma si è trattata soprattutto di un’occasione per criticare il modo in cui la questione viene affrontata dalle istituzioni. Così Marco Togni (Lega Nord Montichiari), Simona Bordonali, Paolo Formentini, Fabio Rolfi, Alberto Cavalli e Claudia Carzeri hanno espresso le loro perplessità. A partire dal centro di smistamento dei richiedenti asilo previsto all’interno dell’ex caserma Serini, a pochi passi dallo scalo bresciano.
Poi, il museo dell’auto e del volo che il comune vorrebbe costruire nei dintorni della pista e che, a detta dei membri del centro destra, potrebbe precludere nuovi allargamenti dell’aeroporto. Infine, la questione infrastrutturale, visto che ormai è abbandonata l’ipotesi dello shunt per i treni ad alta velocità nel paese della bassa bresciana. Sul fronte dello scalo, il consigliere lombardo Fabio Rolfi ha presentato un’interrogazione per chiedere il rinnovo del piano di sviluppo, in scadenza a dicembre, evitando che i comuni vicini possano impedirlo. Ma le scelte che si stanno portando avanti, secondo il Carroccio e Forza Italia, rischiano di compromettere vent’anni di strategie intorno all’aeroporto.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.