Quantcast

In Prefettura i sindacati dei lavoratori dello scalo

In Broletto i rappresentanti dell'Unione sindacale di base che protestano per le condizioni di incertezza in cui si trovano i 150 dipendenti dell'infrastruttura.

(red.) Si è svolto giovedì mattina il presidio dell’Unione Sindacale di Base convocato presso il cortile della Prefettura di Brescia per porre all’attenzione dell’opinione pubblica “la grave e perdurante situazione di incertezza per il futuro dell’aeroporto di Montichiari e per il destino dei circa 150 lavoratori e lavoratrici coinvolti, anche con riguardo al rinnovo della concessione ministeriale per la gestione dello scalo”.
I manifestanti sono stati ricevuti da una funzionaria della Prefettura. “In tale incontro”, viene spiegato in una nota, “abbiamo esposto le nostre ragioni, chiedendo alla Prefettura di trasmettere al Ministero, e a chi sta decidendo il futuro dell’aeroporto, la necessità di avere risposte chiare in tempi brevi, anche per tutelare un patrimonio pubblico che deve servire interessi generali e collettivi”.
“E’ stato steso un verbale dell’incontro che, insieme al nostro Comunicato”, conclude la nota sindacale, “è stato trasmesso al Ministero, auspicando, anche da parte della Prefettura, una soluzione positiva per il territorio e per i lavoratori”.
Nelle ultime ore è inaffti emersa l’ipotesi di un commissariamento dello scalo da parte del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture per risucire a dirimere la complessa vicenda della societàa eroportuale bresciana e veronese.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.