Quantcast

Catullo-D’Annunzio: “Nessun divorzio”

Lo ha detto il presidente veronese Paolo Arena, intervenuto alla Commissione Bilancio in Broletto. No alla subconcessione, apertura ai soci privati.

(red.) Non ci sarà separazione fra Brescia e Verona, qualunque sia il destino dell’aeroporto di Montichiari.
Ad affermarlo il presidente della “Catullo” Paolo Arena, intervenuto alla commissione Bilancio del Broletto presieduta dal Pd Pierluigi Mottinelli. Il numero uno di Villafranca, sebbene non abbia chiarito quale possa essere il futuro dello scalo bresciano, tuttavia ha fissato alcuni capisaldi intorno alla questione.
Non ci sarà, ha detto Arena, una separazione fra il “D’Annunzio” e lo scalo veronese, ma prosegue il dialogo con i soci bresciani, ABeM in testa, che ha avanzato l’ipotesi di una sub concessione dell’impianto monteclarense, in vista anche dell’aut aut posto dal Governo Monti sulle concessioni aeroportuali.
Ci sarebbe dunque una trattativa in corso finalizzata a dare maggiore autonomia al “D’Annunzio”, senza cancellare il legame con Verona.
Secondo l’ipotesi non svelata da Arena, tuttavia, è emerso con certezza che tale subconcessione richiesta dalla capofila Abem non può vedere la luce: questo perché la legge non lo consente.
Più probabile, invece, che, in vista del rinnovo della concessione da parte dell’Enac, venga affidata una subconcessione ad una realtà terza. Apertura anche a soci privati per finanziare l’aeroporto e non viene esclusa la possibilità per Brescia di mantenere anche il traffico passeggeri, nonostante la prevalente vocazione a cargo.
Per il capogruppo del Pd, Diego Peli l’aeroporto non ha futuro (posizione già espressa dal partito), mentre Diego Invernici, capogruppo del Pdl, ha sottolineato come la relazione di Arena manchi dell’aspetto principale, ovvero quello del piano finanziario.
Il presidente della “Catullo” ha anche relazionato sull’attuale situazione debitoria della società nei confronti delle banche che ammonta a 45 milioni di euro: Il piano industriale (che permettere il salvataggio anche di Montichiari), invece, è in fase di studio.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.