Quantcast

“Compensi in crescita, ancor più dei debiti”

Lo rivela un servizio della rete televisiva La7. Il cda del D'Annunzio si è alzato gli emolumenti del 70%. Bontempi si nasconde, Bettinsoli nega.

Più informazioni su

(p.f.) L’emittente televisiva La7, dopo aver parlato di un affare immobiliare di Riccardo Conti, senatore del Pdl di Brescia, è tornata ad occuparsi del nostro territorio, in particolare dell’aeroporto di Montichiari. Durante Gli Intoccabili, lo scalo bresciano è stato preso come esempio di cortocircuito tra affari e politica. Sotto accusa, secondo il format televisivo, l’aumento degli emolumenti del consiglio di amministrazione a fronte dei buchi di bilancio in spaventosa crescita. La Catullo, società veneta che gestisce gli aeroporti di Brescia e Verona, e che controlla la società bresciana, negli ultimi 10 anni ha dovuto gestire una patata bollente pari a 90 milioni di deficit.
Per contro, ha spiegato la trasmisisone, i compensi del consiglio di amministrazione del D’Annunzio, che attualmente non ha alcun volo passeggeri, sono passati dagli 80mila euro del 2009 ai 96 mila euro del 2010; in totale, negli ultimi quattro anni, gli emolumenti sono aumentati del 70%. Nessuna risposta dal consigliere d’amministrazione Giorgio Bontempi che, come ricordano nel rotocalco di informazione, è anche assessore alle Attività produttive della Provincia di Brescia, sindaco di Agnosine, presidente del consorzio Concentrica, presidente del collegio sindacale di Profacta, 2XL e Gruppo Faustini, e proprietario di Splendida Srl.
“E’ un bravo professionista”, è stata la difesa di Vigilio Bettinsoli, presidente dell’aeroporto di Brescia dal 2009, che ha anche negato, nonostante i documenti, che ci sia stato un aumento degli emolumenti negli ultimi anni. “Nelle segreterie dei partiti”, ha spiegato Fabio Bertolazzi, ex presidente dell’aeroporto di Verona, “hanno un elenco delle posizioni dove possono piazzare i propri uomini. Si dividono questi incarichi negli accordi, in base ai volumi che hanno le società e ai compensi che possono ricevere. Giocano come con le figurine”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.