Quantcast

A2a-Lgh, via libera alla fusione delle due società per incorporazione

I consigli di amministrazione hanno approvato il progetto. La ratifica definitiva avverrà entro la fine dell'anno.

Più informazioni su

(red.) A partire da ieri, lunedì 28 giugno, A2a e Linea Group Holding (Lgh) saranno la stessa entità, nel momento in cui la seconda è stata incorporata dalla prima. “Con riferimento all’operazione di integrazione tra A2a Spa e Linea Group Holding Spa, società controllata al 51% da A2A – si legge in una nota – si rende noto che i rispettivi consigli di amministrazione hanno approvato il progetto di fusione per incorporazione di Lgh in A2a. Le assemblee straordinarie delle due società partecipanti alla fusione sono previste per la prima decade di ottobre 2021 e la stipula dell’atto di fusione, decorsi i termini previsti dalla legge per l’opposizione dei creditori, è prevista entro il 31 dicembre 2021.

La fusione per incorporazione di Lgh in A2a è in linea con il processo di razionalizzazione delle società del gruppo A2a e completa il percorso di evoluzione della partnership con i soci di minoranza di Lgh (Azienda Energetica Municipale Spa al 15,15%, Cogeme al 15,15%, Asm Pavia al 7,79%, Astem al 6,48% e Società Cremasca Servizi Srl al 4,43%), così come delineato e descritto negli accordi di partnership sottoscritti il 4 marzo 2016 e successivamente integrati.

La fusione è il punto di arrivo di un processo di integrazione tra le due società che si è evoluto negli anni e, come già comunicato, prevede che al termine dell’operazione i soci di minoranza di Lgh (che attualmente detengono complessivamente il 49% del capitale) vadano a detenere il 2,75% di capitale sociale di A2a. L’operazione di fusione, oltre a permettere una razionalizzazione delle società del gruppo – termina la nota – permetterà di attivare nel tempo sinergie economiche grazie alla gestione integrata di processi e sistemi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.