Quantcast

I 100mila euro? Non sono di Pierluca Locatelli

Emerge dagli accertamenti della procura di Milano. L'imprenditore durante uno degli interrogatori aveva raccontato un particolare sulle banconote che non combacia.

Più informazioni su

    (red.) I centomila euro in contanti trovati a casa dell’ex vice presidente dl consiglio regionale, Franco Nicoli Cristiani, non sono quelli dell’imprenditore Pierluca Locatelli.
    Emerge dagli accertamenti disposti dalla procura di Milano, alla quale è stata trasmessa da quella di Brescia parte dell’inchiesta che lo scorso 30 novembre ha portato in carcere Nicoli, Locatelli e Giuseppe Rotondaro, il coordinatore dell’Arpa Lombardia, che secondo l’ipotesi accusatoria avrebbe fatto da intermediario tra i due.
    Locatelli durante uno degli interrogatori aveva raccontato un particolare sul taglio delle banconote versate al politico e che avrebbero dovuto servire per trasformare la cava di Cappella Cantone, in provincia di Cremona, in discarica di amianto. Questo particolare non combiacia con i soldi trovati a casa di Nicoli.
    Ora la procura deve capire da dove arrivano.

    Caso Nicoli: tutti gli aggiornamenti in tempo reale su quiBrescia.it

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.