Quantcast

Brebemi, i cantieri restano sotto sequestro

Per i pm Canaia e Bonardi a Fara Olivana e Cassano d'Adda "difficile delimitare con precisione i tratti dove ha operato la ditta Locatelli geom. Gabriele Spa".

(red.) I cantieri della Brebemi di Fara Olivana e Cassano d’Adda restano sotto sequestro.
I pubblici ministeri Carla Canaia e Silvia Bonardi, titolari dell’inchiesta sul traffico illecito di rifiuti che ha portato all’arresto di dieci persone, tra cui il vicepresidente del consiglio regionale della Lombardia Franco Nicoli Cristiani, hanno infatti rigettato l’istanza di dissequestro dei cantieri.
Secondo i pm ”appare assai difficile delimitare con precisione i tratti della Brebemi dove ha operato la ditta ‘Locatelli geom. Gabriele spa’ (…) in assenza di precise indicazioni contenute nel contratto di fornitura stipulato dalla Locatelli con il Consorzio BBM”.
Inoltre, scrivono i pm, ”sulla scorta delle emergenze investigative, vi è motivo di dubitare circa l’affidabilità di quanto attestato da operatori BBM presenti nei cantieri”.

Caso Nicoli: tutti gli aggiornamenti in tempo reale su quiBrescia.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.