Tangenti, interrogati i coniugi Locatelli

Aurietta Pace Rocca si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Pierluca Locatelli è stato ascoltato dal gip Bonamartini fino alle 18 circa.

(red.) Prosegue l’inchiesta per corruzione e traffico illecito di rifiuti che vede coinvolto in prima persona Franco Nicoli Cristiani, vice presidente del consiglio regionale. Venerdì al Palagiustizia di Brescia sono stati interrogati i coniugi Pierluca Locatelli e Aurietta Pace Rocca, imprenditori di Grumello del Monte, in provincia di Bergamo.
La donna, davanti al gip Bonamartini e assistita dagli avvocati  Roberto Bruni e Marco De Cobelli, si è avvalsa della facoltà di non rispondere. Il marito, invece, è stato ascoltato dal giudice per le indagini preliminari fino alle 18 circa. Attualmente sono in carcere il vicepresidente del Consiglio regionale Cristiani, Giuseppe Rotondaro, responsabile degli staff dell’Arpa in Lombardia, Pierluca Locatelli, imprenditore nel settore dello smaltimento dei rifiuti e Andrea David Oldrati, responsabile della Terra verde Srl, una società di consulenza ambientale che collaborava con Locatelli.
Ai domiciliari sono finiti Aurietta Pace Rocca; Giovanbattista Pagani, bresciano di Pontoglio, definito una sorta di factotum dell’imprenditore; Bartolomeo Beniamino Gregori, responsabile della sezione autisti di una società di Locatelli; Egidio Grechi, consulente ambientale; Walter Rocca, responsabile del trattamento rifiuti di una discarica a Calcilante, nella Bergamasca, e Giorgio Oprandi.

Caso Nicoli: tutti gli aggiornamenti in tempo reale su quiBrescia.it

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.