Quantcast

Polizia provinciale: prime condanne

Più informazioni su

    broletto3.jpgSei mesi all'ex comandante Giulio Honorati. 2 anni e 2 mesi al capo della stradale.


    (red.) Due agenti e l'ex comandante della polizia provinciale di Brescia sono stati processati venerdì con il rito abbbreviato dal Gup del tribunale cittadino, Ciro Iacomino.
    Con le accuse, a vario titolo, di truffa e peculato sono comparsi in aula l'ex comandante Giulio Honorati, il responsabile del nucleo stradale Lorenzo Mastrangelo e il poliziotto Valentino Franchi. Altri dieci imputati per la stessa vicenda hanno scelto il dibattimento.
    Honorati è stato condannato per abuso d'ufficio a 2 anni e 8 mesi, diventati 6 mesi grazie all'indulto. Mastrangelo a 4 anni per peculato, diventati per l'indulto 2 anni e 2 mesi. Franchi è stato invece assolto.
    Come i lettori di quiBrescia.it ricorderanno, i poliziotti provinciali erano accusati di gestione disinvolta dell'auto di servizio anche nei giorni di ferie e di aver chiesto rimborsi che non gli spettavano per servizi notturni che invece non erano stati effettuati.
    Il pm Giancarlo Tarquini aveva chiesto pene comprese tra i 2 anni e 8 mesi e i 6 anni.
    Si tratta del primo processo per la vicenda nata da indagini effettuate a partire dal 2007 su sollecitazione della stessa amministrazione di Palazzo Broletto, che sospettava irregolarità commesse tra il 2004 e il 2005 nella gestione del rimborsi per il lavoro notturno e delle auto di servizio (con relativo pieno di benzina). Il rinvio a giudizio dei 13 è avvenuto nel maggio scorso (leggi la notizia)
    La storia era saltata fuori dopo che il responsabile del nucleo stradale aveva denunciato il furto di un Gps satellitare nell'auto della polizia provinciale, avvenuto sotto la sua abitazione nel Milanese, in un giorno in cui era in ferie.
    L'inchiesta aveva quantificato un danno minimo di circa 100 mila euro per l'amministrazione, gettando un'ombra sul corpo della polizia provinciale, nato da poco nel Bresciano. La prima udienza del processo con il rito ordinario è in programma il 18 marzo 2010.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.