Quantcast

“Concretamente”, finanziamenti per oltre 60 mln

Più informazioni su

    (d.s.) Oltre 60 milioni e 700mila euro di finanziamenti complessivi concessi dalle banca a 1.238 aziende bresciane a fronte di una controgaranzia della Provincia di Brescia di circa 15 milioni di euro. Sono questi i risultati ottenuti grazie al “Fondo di controgaranzia”, strumento introdotto dall’assessorato alle Attività produttive ed al lavoro, ancora nel 2009, per facilitare l’accesso al credito alle piccole e medie imprese.
    Si tratta di dati significativi che hanno spinto il Broletto a proseguire lungo la strada intrapresa con il “Progetto Confidi”; iniziativa facente parte dell’ampio pacchetto anticrisi denominato “Concretamente”.Questa misura, nel dettaglio, nasce per facilitare l’accesso alle aziende in una fase economicamente difficile a livello globale: “L’ingente somma stanziata dalla Provincia, di 500mila euro, servirà come contributo al fondo rischi dei consorzi di garanzia fidi che operano nel Bresciano rafforzando le capacità dei Confidi di prestare garanzia ai propri associati. Questi potranno ottenere finanziamenti dalle banche convenzionate a condizioni migliori rispetto a quelle di mercato”, ha spiegato il presidente della Provincia Daniele Molgora, non dimenticandosi di ricordare, alle banche, il loro ruolo sociale e il dovere di migliorare l’accesso al credito delle imprese senza eccedere nei tassi.
    “Nonostante l’andamento negativo della congiuntura economica nel corso del 2011, non si sono registrate insolvenze significative e tali da chiedere l’intervento del fondo di garanzia della Provincia, a riprova dell’ottimo operato dei Confidi: proprio per questo abbiamo deciso di trasformare la controgaranzia in un contributo al fondo dei Confidi al fine di migliorarne la dotazione”, ha spiegato l’assessore provinciale alle Attività produttive Giorgio Bontempi, alla presenza dei rappresentanti dei Confidi e di Dario Pironi, direttore dell’area economica della Provincia. Questa è la dimostrazione della possibilità per un ente pubblico di intervenire concretamente per facilitare l’accesso al credito delle imprese in una fase economica di evidente difficoltà” ha concluso, soddisfatto, l’assessore Bontempi.

    Più informazioni su

    Commenti

    L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di QuiBrescia, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.