(red.) Domenica sera 13 maggio anche in diverse parti della provincia bresciana sono andati in scena vari caroselli per festeggiare lo scudetto della Juventus arrivato in modo ufficiale dopo il pareggio sul campo della Roma. Ma a Brescia il momento di festa si è trasformato in una rissa. E’ accaduto alla fontana di piazza Repubblica, come racconta Bresciaoggi, quando una trentina di supporters bianconeri, di cui anche di Bedizzole, stavano celebrando il successo sportivo con tanto di bandiere e sciarpe.

Ma a un certo punto sarebbero stati avvicinati da un’auto a bordo della quale c’erano dei ragazzi che si erano qualificati come ultras del Brescia. Avrebbero minacciato i presenti intimando loro di festeggiare a Torino “perché qui siamo a Brescia”. Poi sono volati calci e pugni e tra le vittime sarebbero rimasti colpiti anche un padre con il figlio di 12 anni. Sul posto sono state chiamate le forze dell’ordine, ma il gruppo di violenti era già scappato.

Comments

comments

4 Commenti

  1. Che strano concetto che hanno sti ragazzi che amano guardare ed esultare per 22 giocatori in mutande che corrono dietro ad un pallone!
    Qui si accolgono cani e porci pero’ danno fastidio gli italiani con diverse bandiere sportive.
    Bha!!!
    Altro motivo perche’ i Gulag non dovevano essere chiusi.

  2. Giustamente a Banania sono questi i veri problemi. Non la disoccupazione, non le tasse, non la criminalità, non l’inquinamento.
    E poi qualcuno si chiede ancora perchè questo Paese non riesce a risollevarsi!

    • Giustissimo, inoltre io mi torvavo nel 2016 a Barcellona il sabato che sulla Rambla festeggiavano lo scudetto del Barca. Non ho visto tifosi di altre squadre come ad esempio l’Espanol a finire in rissa con avversari. Cosa tipicamente italiana