(red.) Dalla notorietà dopo aver partecipato alla dodicesima edizione del Grande Fratello, al diventare aggressivo verso i genitori, ma anche contro l’ex fidanzata che abita nel bresciano. Il 31enne Kiran Miccali è così finito nei guai e domenica 15 aprile è stato arrestato dai carabinieri bergamaschi di Treviglio. L’accusa è anche quella di aver dato fastidio e minacciato più volte l’ex compagna facendosi vedere sotto la sua abitazione di Capriolo, appunto nel bresciano.

Il giovane ex gieffino, infatti, era sottoposto all’obbligo di dimora a Romano di Lombardia, in terra orobica, perché nell’estate del 2017 era finito in manette per aver picchiato i genitori in casa e tanto da far arrivare i carabinieri. Il giovane indiano venne quindi condannato in primo grado a 8 mesi di reclusione per oltraggio e resistenza a pubblico ufficiale, lesioni personali e danneggiamento aggravato.

Nonostante fosse obbligato a non uscire dal suo paese, avrebbe incontrato più volte l’ex fidanzata, di cui uno degli ultimi tentativi era stato fatto alla fine di marzo. E tra l’altro, tutti incontri burrascosi. E sembra che l’arresto dopo la lite in casa dei genitori sia avvenuto dopo l’ennesima richiesta di denaro del 31enne al padre e rifiutata. Così per l’ex gieffino erano arrivati i carabinieri di Romano e Treviglio per mettergli le manette. Ora per lui si sono aperte le porte del carcere e dovrà di nuovo comparire davanti a un giudice.

Comments

comments