(red.) Mercoledì 7 marzo dal tribunale di Brescia è arrivata una sentenza di assoluzione nei confronti di Patrizio Tosoni. L’agente di Polizia Locale di Bedizzole e Lonato, che era già stato assolto dall’accusa di tentata prostituzione minorile, si è visto sentire dal giudice che “il fatto non sussiste” per la vicenda di una multa che avrebbe annullato a favore di un agente della Polizia di Stato. Tosoni attualmente è stato reintegrato nell’incarico, ma è in aspettativa. Era accusato di falso e abuso d’ufficio, ma il giudice ha respinto la richiesta del pubblico ministero di un anno di carcere per Tosoni.

Quindi assolto, così come Antonio Sofia che era il poliziotto che si sarebbe fatto rimuovere la sanzione. Si fa riferimento a una multa che aveva emesso l’autovelox fisso di Lonato, ma che poi Tosoni aveva cancellato dichiarando, in concorso con il poliziotto, che questo si stesse muovendo in moto ad alta velocità per motivi di servizio. In realtà, il vigile urbano ha emesso documentazione con la quale ha appurato che il poliziotto si stava realmente muovendo per ragioni di lavoro e che quindi si è messa in pratica la prassi. Tanto che Tosoni ha anche sottolineato di non conoscere l’altro agente, quindi di non aver operato per motivi di amicizia.

Comments

comments