(red.) “Il rogo doloso avvenuto la scorsa notte al centro sociale Magazzino 47 – peraltro in modo sinistro ed evocativo nella zona della libreria – preoccupa e crea allarme, ancor più alla luce di recenti episodi simili avvenuti in città (e non solo) nelle ultime settimane”. Questa l’opinione della Camera del Lavoro di Brescia, che in una nota ha aggiunto: “Sappiamo che la violenza è il terreno più fertile nel quale operano i fascisti e sappiamo, lo sottolineiamo con forza, che le risposte a queste azioni non possono che essere di tipo democratico e nell’ambito della legalità, nel solco di una tradizione antifascista che a Brescia già in passato ha avuto modo di esprimersi in modo chiaro e convinto”. 

Domani, la Camera del Lavoro, parteciperà con una folta delegazione alla manifestazione nazionale «Mai più fascismi» promossa dalla Cgil insieme a decine di altre associazioni e sindacati. “La manifestazione ribadirà con forza che il virus del razzismo, della xenofobia, del fascismo e della violenza non devono trovare ospitalità. Le risposte a tale virus devono essere innanzitutto di carattere culturale e formativo”, ma – come ricorda l’appello – «richiameremo alle proprie responsabilità tutti i livelli delle Istituzioni affinché si attui pienamente la XII Disposizione della Costituzione (“E` vietata la riorganizzazione, sotto qualsiasi forma, del disciolto partito fascista”) e si applichino integralmente le leggi Scelba e Mancino che puniscono ogni forma di fascismo e di razzismo».

Comments

comments