(red.) Mercoledì sera 21 febbraio i carabinieri bresciani di Botticino erano impegnati in un servizio di controllo per la prevenzione di furti e rapine. E durante l’attività hanno anche verificato che le persone sottoposte agli arresti domiciliari stessero rispettando la detenzione. Non era così, invece, per un 50enne marocchino che era finito in manette e proprio ai domiciliari per spaccio di sostanze stupefacenti.

Infatti, il nordafricano non si trovava in casa in quel momento. I militari hanno quindi voluto fare un giro di ispezione in paese e lo hanno trovato ubriaco mentre camminava in centro. Per lui sono scattate di nuovo le manette e il giudizio per direttissima al tribunale di Brescia. Ma niente domiciliari: stavolta è finito in carcere.

Comments

comments

1 COMMENTO