(red.) Dall’ora di pranzo di venerdì 16 febbraio Roberto Moreni è tornato ufficialmente a essere il commissario straordinario del sito di interesse nazionale Brescia-Caffaro. Infatti, è stata notificata al professionista la conferma della firma sull’incarico e ora dalla Loggia si potrà procedere secondo programma con una serie di attività. Già dalla settimana che inizierà lunedì 19 febbraio sarà siglato il contratto con l’Aecom, azienda aggiudicataria, per il progetto preliminare con cui risanare la falda e il suolo intorno al sito industriale della Caffaro, in via Milano.

Si tratta di uno studio importante indispensabile per procedere con l’attesa bonifica che dovrebbe richiedere dai 44 ai 96 milioni di euro. Subito dopo si punterà sul progetto esecutivo sfruttando, per il momento, i 35 milioni disponibili, purché i cantieri siano aperti entro il 2019. La conferma per Moreni consente di far avanzare altre opere, come la bonifica della discarica Pianera a Castegnato.

Per quanto riguarda Brescia, si continua anche con il passo Gavia, il campo Calvesi e le rogge più inquinate. Su questo fronte, il sindaco Emilio Del Bono sottolinea la necessità di fare presto, partendo anche dall’acquisizione del sito dove si trova la fabbrica della Caffaro destinata a chiudere. Avverrà durante il 2018 e, in base anche ai risultati sui tempi e costi per la bonifica, si sta studiando il futuro dell’area. Per il primo cittadino potrebbe essere un parco a tema.

Comments

comments