(red.) Il paese di Idro, sulle sponde dell’omonimo lago in Valsabbia, nel bresciano, è passato da essere un’oasi di tranquillità a vittima dei furti tra negozi e abitazioni, ma non solo. Alla fine di gennaio alcune donne rientranti a casa da un concerto a Brescia erano riuscite a fuggire da un ninfomane che poi era stato riconosciuto come un soggetto con qualche disagio mentale. Poi un colpo di pistola alla gelateria di Lemprato per rubare l’incasso e le borsette delle dipendenti.

In seguito, sono arrivate anche le rapine nelle case. Come ne dà notizia Bresciaoggi, l’ultimo di questi episodi è avvenuto mercoledì sera 7 febbraio in via della Paul prelevando contanti, documenti, bancomat e assegni. Poi i malviventi hanno tentato in un’altra casa vicina, ma il fatto che la residente anziana avesse acceso le luci li ha fatti desistere. Quindi, i ladri hanno puntato su una villetta in cui c’era la proprietaria e poi su altre due dalle quali i banditi sono fuggiti con un’auto rubata ai titolari. Una vera e propria escalation di episodi nell’arco di pochi giorni.

Comments

comments

3 Commenti