(red.) “Cresce anche il turismo invernale, rispetto all’anno scorso le località lombarde fanno segnare un più 17%. Numeri che si riflettono sull’indotto legato al commercio, alla ristorazione e all’accoglienza, che solo per i Comuni montani della provincia di Brescia supera i 27 milioni di euro”. È quanto ha dichiarato l’assessore allo Sviluppo economico di Regione Lombardia Mauro Parolini, commentando i dati sulla stagione invernale elaborati da Lombardia Speciale, Ufficio studi della Regione Lombardia, che prendono in considerazione per la provincia di Brescia i Comuni di Artogne, Bagolino, Borno, Collio, Edolo, Pisogne e Ponte di Legno.

“Il turismo nella nostra provincia – ha sottolineato Parolini – ha avuto negli ultimi tre anni una crescita vicina al 20% degli arrivi e già nel 2016 è riuscita a superare i 10 milioni di presenze sul territorio. Un successo che è frutto del grande dinamismo degli operatori, ma anche dell’impegno senza precedenti che abbiamo messo in campo durante la legislatura attraverso iniziative moderne di promozione dell’offerta, programmi di formazione per operatori e imprenditori e, non ultimo, una bando che, a Brescia, con oltre 6,7 milioni di euro, ha permesso di finanziare interventi di riqualificazione su oltre 220 strutture sul territorio tra alberghi, bed & breakfast, ristoranti ed esercizi pubblici”.

“Gli ultimi anni sono stati molto positivi, da Expo al Floating Piers, passando a tutte le iniziative che abbiamo promosso insieme ai protagonisti del settore e alle istituzioni. Oggi – ha concluso Parolini – il nostro sistema turistico è più compatto e integrato, la reputazione e la qualità dell’accoglienza nella nostra provincia si stanno affermando all’interno di un mercato globale che sta crescendo e che ancora è in grado di offrire importati opportunità di investimento e sviluppo per il sistema economico bresciano”.

Comments

comments