(red.) Nuovi aggiornamenti arrivano da Santo Domingo per la morte di Vittorio Giuzzi, il bresciano ucciso a calci e pugni il 31 gennaio a Batista San Juan de la Maguana. L’uomo arrestato e ritenuto responsabile dell’omicidio è un 22enne, Nene de la Paz Morillo, come scrive il Giornale di Brescia. Stando alle indagini, sembra che i due si conoscessero e fossero già in pessimi rapporti perché il ragazzo avrebbe più volte rubato della frutta dai terreni acquistati e posseduti dal pensionato di Montichiari nel 2002, quando arrivò nella Repubblica Dominicana per fare l’agricoltore.

Mentre si attende l’autopsia, da un rapido esame si parla di un trauma cranico sul lato sinistro del 76enne, anche se su tutto il corpo ci sono diverse lesioni. Pare che il 22enne, infatti, oltre ai calci e pugni, abbia poi ucciso l’anziano con un attrezzo agricolo. Nel frattempo due dei tre figli di Vittorio sono arrivati a Santo Domingo e sono in contatto con l’ambasciatore italiano per avere sviluppi sulle indagini.

Dopo il riconoscimento ufficiale della salma, sarà eseguito l’esame autoptico e poi la cremazione, quindi concluse le pratiche per il rimpatrio a Montichiari che potrebbe avvenire già entro domenica 11 febbraio. Nell’isola caraibica Giuzzi – che era separato – viveva con una donna del posto con la quale si sarebbe lasciato. Anche per quel motivo aveva avviato le trattative per vendere i suoi terreni e tornare in Italia nell’arco di due anni.

Comments

comments