Foto di archivio

(red.) Disavventura conclusa col lieto fine lunedì 5 febbraio per una bambina di 3 anni a Nave, nel bresciano. La piccola stava giocando nel giardino di casa quando è stata attirata dalla ringhiera del cancello principale e si è avvicinata. In qualche modo si è dondolata e ritrovandosi con la testa bloccata tra le sbarre. Nel momento in cui ha cercato più volte di uscire dalla morsa, ma senza riuscirci, è scoppiata a piangere attirando l’attenzione dei genitori.

Il padre e la madre hanno tentato di allargare le sbarre, ma inutilmente, quindi hanno allertato il 112, numero unico di emergenza. Sul posto sono arrivati i vigili del fuoco da Brescia che hanno usato delle cinghie per creare uno spazio maggiore tra la morsa e la testa della piccola, fino a liberarla.

Comments

comments