(red.) Si è appena conclusa la trattativa per l’estensione del Contratto Integrativo Aziendale di UBI Banca e UBI Sistemi e Servizi ai lavoratori provenienti dalle «Bridge Banks»: ex Nuova Banca Etruria, Nuova Banca Marche e Nuova Carichieti. Appena siglata l’intesa, la responsabile UILCA Gruppo UBI Banca, Claudia Dabbene, ha rilasciato la seguente dichiarazione:

«Esprimiamo soddisfazione per l’accordo raggiunto, in quanto mantiene il principio stabilito sin dal primo processo di trasformazione in “banca unica”, ossia la definizione di una temporalità certa, ma soprattutto ragionevole, entro la quale estendere le norme contrattuali di secondo livello previste in UBI Banca e UBI Sistemi e Servizi.

Questo accordo assume notevole importanza per i lavoratori provenienti dalle «Bridge Banks» perché assicura un percorso di armonizzazione contrattuale privo di impatti traumatici, in particolar modo sul versante della mobilità. Inoltre, conferma la particolare attenzione dedicata al tema delle politiche sociali.

Per la UILCA, adesso occorrerà trovare soluzioni anche per individuare nuovi ruoli professionali e nuovi percorsi inquadramentali, sinergici al nuovo modello distributivo in fase di introduzione, cercando al contempo di valorizzare le competenze di tutti i lavoratori».

Comments

comments