Foto dal Giornale di Brescia

(red.) Una cascina dichiarata parzialmente inagibile, un residence confinante in parte toccato e una donna evacuata. E’ il risultato di un vasto incendio che nella notte tra mercoledì 31 gennaio e giovedì 1 febbraio ha colpito una struttura rurale a Monticelli d’Oglio di Verolavecchia, nel bresciano. Tutto è accaduto intorno alle 2 quando i proprietari della cascina hanno avvertito degli strani rumori provenienti dal piano interrato, dove era presente la legnaia. Si sono precipitati per vedere cosa fosse successo e hanno notato le fiamme che stavano prendendo possesso dell’intero stabile.

E’ stata immediata la chiamata ai vigili del fuoco che ha fatto intervenire sul posto vari mezzi da Brescia, Orzinuovi e Verolanuova. Nello stesso momento una donna che abita in un appartamento del vicino residence “Villanuova” ha dovuto lasciare la sua casa quando le fiamme stavano raggiungendo il complesso, per fortuna solo lambito. Gli addetti antincendio hanno lavorato fino a giovedì mattina per spegnere il rogo e procedere con lo smassamento delle macerie per evitare il formarsi di altri focolai.

Subito dopo è partita la conta dei danni per centinaia di migliaia di euro, considerando che sono andati distrutti 400 metri quadrati di tetto e anche l’impianto fotovoltaico che era installato al di sopra. Qualche danno ha coinvolto anche il vicino complesso residenziale. Tra le cause sulle quali si indaga, si ipotizza un corto circuito al quadro elettrico che comanda i pannelli e che alimentano la cascina dal punto di vista energetico.

Comments

comments