(red.) Cosa può avere a che fare un maxi carico di polvere bianca, pare farina di riso, con un’azienda che invece si occupa di produrre imballaggi? Se lo sono chiesti giovedì 1 febbraio in via Faini a Bovezzo, nel bresciano, dove alla Valtrompia Imballaggi sono arrivati due camion nel pomeriggio. Sono riusciti a entrare perché i cancelli dell’azienda, con una sede anche a Sarezzo, erano stati aperti visto che l’impresa, in effetti, attendeva l’arrivo di qualche carico dalla Cina. Quando uno degli addetti si è avvicinato e ha aperto i sacchi, all’interno ha però trovato della polvere bianca.

Erano 60 tonnellate che evidentemente l’azienda non aveva mai ordinato. Dal posto, temendo che potesse essere una sostanza tossica, sono stati attivati i vigili del fuoco del Nucleo batteriologico chimico radiologico insieme ai funzionari dell’Agenzia di Tutela della Salute di Brescia per tutte le verifiche e analisi del caso. Per motivi di precauzione, gli addetti dell’azienda hanno sospeso il lavoro e sono stati condotti in ospedale per gli accertamenti che hanno dato esito negativo. Infatti, sono stati subito dimessi. Nelle ore successive i funzionari dell’Ats hanno continuato i controlli per una vicenda che resta ancora nel mistero e sulla quale indagano i carabinieri di Gardone Valtrompia.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Se, come sembra, si tratta solo di SANA farina di riso e nessuno la reclama, eviterei di smaltirla, anzi… dal momento che la mia personale alimentazione e’ anche a base di riso, PREGHEREI qualcuno che possa aiutarmi nell’andare a recuperarne uno o due sacchi SOLO per uso personale. Grazie.