Orji Owonkwo proveniente dal Bologna

(red.) Mercoledì sera 31 gennaio alle 23 si sono chiuse le porte dell’hotel Melià di Milano, segnando la conclusione del calcio mercato invernale di riparazione. Per quanto riguarda il Brescia di Massimo Cellino sono state diverse le operazioni e gli scambi che si segnalano e giunti al termine dopo un’ultima giornata intensa di trattative. Per quanto riguarda gli arrivi, mister Roberto Boscaglia può contare su Felipe Curcio in difesa proveniente dalla Fidelis Andria e il greco Dimitris Konstantinidis, ancora nel reparto arretrato, dal Paok Salonicco. Tra gli attaccanti sono pronti ad allenarsi e giocare agli ordini di Boscaglia, Nikolas Spalek dallo Zilina, Carlos Embalo che ritorna dal Palermo e Orji Okwonkwo dal Bologna. Si segnala anche l’acquisizione a titolo definitivo di Ernesto Torregrossa dall’Hellas Verona.

Ma le trattative maggiori che si sono concluse in questo mercato di riparazione sono state in uscita. Il difensore Nicola Lancini è approdato alla Fidelis Andria, mentre altri due del reparto arretrato come Semprini e Ricardo Bagadur sono finiti rispettivamente all’Arezzo e alla Feralpi Salò. Tra i centrocampisti, si segnalano Machin ceduto al Pescara, Bertoli al Prato, Massimiliano Mangraviti al Fondi, Checchin alla Viterbese, mentre Modibo Dembele ed Enzo Di Santantonio hanno deciso di rescindere con le rondinelle. Tra gli attaccanti in uscita, Cattaneo approda alla Reggiana e Alexis Ferrante al Pisa. Infine, Andrea Cistana in prestito al Prato.

Comments

comments