(red.) Martedì 9 gennaio la Polizia Locale di Brescia ha fermato un uomo di origine ghanese di 32 anni senza fissa dimora che, da tempo, infastidiva e molestava giovani donne in centro storico, prevalentemente nella zona di San Faustino e dell’Università degli Studi.
A seguito di numerose segnalazioni da parte di cittadini e commercianti, alla fine del mese di agosto 2017 gli agenti del distaccamento Centro Storico hanno avviato le indagini e hanno individuato il responsabile di molestie nei confronti di alcune donne: un 32enne africano senza fissa dimora, clandestino sul territorio nazionale, che in passato era già stato fermato e identificato.

La Locale ha quindi tenuto costantemente sotto controllo i suoi movimenti, per evitare che tornasse a dare fastidio. Gli agenti hanno poi raccolto le testimonianze e hanno acquisito le denunce da parte delle vittime.
Dopo aver informato l’autorità giudiziaria e la Questura, il Comando è riuscito a fermare il ghanese, cogliendolo sul fatto. Martedì 9 gennaio, un’agente in abiti civili è stata avvicinata dall’uomo e, poiché questi ha cercato di molestarla, è stato arrestato e accompagnato in via Donegani. A suo carico è stato emesso, mercoledì 10 gennaio, un decreto di accompagnamento al Centro di identificazione ed espulsione di Bari.
Il ghanese, pregiudicato su cui gravano numerosi ordini di espulsione ai quali non ha mai ottemperato, dovrà inoltre rispondere del reato di molestie.

Comments

comments

2 Commenti

  1. 1) “32enne africano senza fissa dimora, clandestino sul territorio nazionale, che in passato era già stato fermato e identificato.”
    Dunque??? Perchè non è stato espulso immediatamente visto che era clandestino?
    2) “La Locale ha quindi tenuto costantemente sotto controllo i suoi movimenti….”.
    E perchè??? Era un clandestino…..andava espulso immediatamente, senza aspettare che commettesse dei reati penali!! Tra l’altro reati odiosi…..visto che molestava giovani donne!