(red.) Si torna a parlare degli scontri tra gli ultras del Brescia e quelli del Cagliari, del 22 luglio, all’esterno del campo sportivo di Palazzolo e prima del match amichevole di calcio tra lombardi e sardi. Gli ultimi sviluppi parlano di due provvedimenti di daspo che hanno raggiunto altrettanti sostenitori del Cagliari e che si erano resi protagonisti in negativo delle violenze.

Sembra che a causa dei cori di scherno da parte dei tifosi sardi, i sostenitori bresciani si siano diretti verso di loro innescando gli scontri, poi fermati dalle forze dell’ordine. Due membri del gruppo “Sconvolts”, con il volto in parte coperto, sono stati coinvolti in maniera attiva nelle violenze, tanto da colpire i bresciani con bastoni e cinture.

E alcuni agenti di sicurezza erano rimasti feriti. Dopo mesi di indagini da parte delle forze dell’ordine, anche attraverso le telecamere e video amatoriali, si è arrivati ai due divieti di accesso a qualsiasi manifestazione sportiva per 5 e 4 anni ai due ultras sardi.

Comments

comments