(red.) Le feste natalizie sono in pieno svolgimento, ma già si può dare qualche numero tra i turisti che affollano le vie della provincia di Brescia e in vista del Capodanno, ma anche fino all’Epifania. L’ultimo “ponte” dell’Avvento, che coincide con il Natale, ha visto il lago di Garda, soprattutto tra Desenzano e Sirmione, dominare lo scenario di arrivi e presenze. Dal Benaco fanno sapere che saranno maggiori le strutture, tra hotel e ristoranti, aperte rispetto allo stesso periodo del 2016.

E’ un coro unanime di esultanza da parte degli esercenti anche in attesa della notte di San Silvestro quando saranno aperti il 90% delle attività di ristorazione e accoglienza. Sono molti gli italiani, ma anche gli stranieri tra i tedeschi, russi e inglesi. E si prevede un vero e proprio boom di presenze in alta Valcamonica, tra Ponte di Legno, Borno, Aprica e Montecampione, dove sono attese nuove nevicate per la gioia di quanti arriveranno a sciare nel “ponte” di Capodanno.

Comments

comments