(red.) La bresciana Pamela Bodei è stata convocata per i campionati europei juniores di karate che si disputeranno il prossimo febbraio a Soci, in Russia. Dopo i mondiali dello scorso novembre, la karateka allenata dal maestro Cornolò al Nakayama Brescia, avrà ancora l’onore e l’onere di scendere sul tatami con gagliardetto tricolore stampato sul karategi, e difendere i colori azzurri.
L’esordio con la nazionale nella competizione iridata era andato bene, anche se un pò sfortunato; due combattimenti vinti, spettacolare il secondo in cui perdeva 2-0 prima che un calcio circolare al viso da tre punti (mawashi d’anticipo) ribaltasse il punteggio in suo favore, poi la sconfitta di misura 0-1 alle porte delle semifinali, dovuta più alla tensione emotiva che alla bravura dell’avversaria.

“Sono molto felice perché ho l’occasione di potermi riscattare e dimostrare il mio valore”, ci ha confidato Pamela, “mi sto avvicinando sempre di più al mio grande sogno, le olimpiadi giovanili del 2018, e continuerò a lavorare affinché si possa avverare”. Il karate della 16enne di Nuvolento è molto tecnico e fantasioso, spesso imprevedibile, capace di andare a punto nei modi più impensabili seguendo l’istinto e le situazioni. La Bodei è una delle poche ragazze che utilizza le spazzate, e questo la dice lunga sulla varietà dei suoi colpi. Frequenta l’istituto Canossiano indirizzo scientifico di Brescia, e nel tempo libero, oltre che a uscire con le amiche, ama disegnare e fare fotografie. Fantasia e arte un connubio vincente che aggiunge valore al kumite di questa solare e simpatica ragazza bresciana, desiderosa di mostrare a tutti la sua bravura.

Comments

comments