(red.) Il mondo dell’industria bresciana è in lutto per la morte dell’imprenditore Silvestro Niboli. E’ scomparso venerdì 22 dicembre all’ospedale Civile di Brescia all’età di 84 anni. Partendo giovanissimo dalla sua prima esperienza di lavoro a Lumezzane, in Valsabbia ha creato un impero, la Fondital, ora chiamata Silmar Group. E la nuova denominazione non è casuale: sono le iniziali di Silvestro e Margherita, i genitori dei sette figli che stanno continuando a svolgere l’attività aziendale.

L’impresa opera nel campo dell’alluminio, riscaldamento, conduzione, scarico idrico, sicurezza e arredamento, in grado di realizzare nel 2016 un volume di affari da 833 milioni di euro e quasi 43 milioni di utile. Alla fine dello stesso anno il gruppo contava più di 2.800 dipendenti, di cui 1.500 in Italia e gli altri all’estero sparsi tra le venti società collegate. Della Silmar fanno parte proprio la Fondital, Raff Metal, Valsir e Marvon con le loro “simili” tra l’Italia e i Paesi stranieri. Silvestro Niboli alla prima esperienza di lavoro, da giovane, si muoveva in bicicletta o a piedi da Comero di Casto, dove abitava, fino a Lumezzane.

Poi il ritorno a Casto dove ha dato luce alla sua attività imprenditoriale. Era concreto, entrava in azienda ogni mattina presto e usciva la sera quando l’attività di giornata era conclusa. Ma aveva anche operato a favore dei cittadini e del paese, contribuendo alla sistemazione degli impianti sportivi, alla diffusione dell’informatica e a varie sponsorizzazioni. La camera ardente dell’imprenditore è allestita nella casa di famiglia a Mocenigo di Vestone dove sabato 23 dicembre alle 19,15 sarà celebrata la veglia. Domenica 24 alle 15, nella chiesa San Silvestro a Comero di Casto ci sarà il funerale dove è attesa molta partecipazione.

Comments

comments

1 COMMENTO

  1. Un esempio encomiabile non solo di quegli storici self made man che tanto hanno dato alla storia imprenditoriale bresciana, ma anche della capacità, niente affatto scontata, di adattarsi alla rapidità del cambiamento negli scenari globalizzati attraverso ricerca ed innovazione (processi, prodotti, eccc.) continuando anno dopo anno ad investire senza perdere mai la bussola della produttività e della redditività. Onore alla memoria di un grande imprenditore.