(red.) “Basta con l’Autotrasporto-Cenerentola: siamo abituati a parlare con chiarezza e non impegnarci in equilibrismi. Proprio per questo, nell’apprezzare il positivo impegno del Governo in materia di trasporti e di intermodalità, non possiamo dirci soddisfatti di quanto è stato fatto, o non fatto, per l’autotrasporto”. Lo ha affermato il Presidente di Trasportounito, Franco Pensiero, nel corso dell’incontro svoltosi fra la ristretta delegazione di Confetra e il Ministro Delrio.
“Il Governo non ha certo effettuato – ha affermato Pensiero – le scelte urgenti e coraggiose in materia di regolamentazione innovativa e di finalizzate incentivazioni, di cui l’autotrasporto italiano avrebbe bisogno”.

“Purtroppo – ha chiarito Pensiero – si è riproposto il gioco di sempre da parte di alcuni vertici associativi sulla testa delle aziende: chi pensa cioè di avere la maggiore rappresentanza del settore del trasporto su strada non ha saputo dimostrare e proporre, approfittando della disponibilità del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, i reali problemi della categoria; quindi nessuna soluzione concreta per superare logiche obsolete che producono normative inefficaci, pesanti adempimenti burocratici e destrutturanti modelli d’impresa”.

Comments

comments