(red.) Dopo la beatificazione arrivata nell’ottobre del 2014, il 2018 dovrebbe essere l’anno del papa bresciano di Concesio Paolo VI come santo. Nei giorni precedenti a giovedì 21 dicembre da fonti del Vaticano è emerso che è stato riconosciuto in modo ufficiale il miracolo tramite la figura di Giovanni Battista Montini-Paolo VI nella nascita di una bambina, la piccola Amanda.

Secondo gli esperti in San Pietro, la bambina sarebbe riuscita a venire alla luce, nonostante la rottura della placenta nel grembo della madre, grazie all’intercessione del papa bresciano cui si erano rivolti i genitori in preghiera. Ora si è in attesa che Papa Francesco dia l’annuncio al mondo per poi procedere con la canonizzazione. La cerimonia potrebbe avvenire nell’ottobre del 2018 in piazza San Pietro a Roma.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Giovanni Battista Montini santo?

    Credo che alla notizia si stia facendo delle matte risate, o meglio abbia increspato il viso in un sorriso, che pure aveva bellissimo e fascinoso.
    Allevato fin da piccolo nel seno della borghesia cattolica bresciana per diventare papa, prima si laureò in utroque jure e filosofia, a 26 anni era già nella curia romana e con esperienze diplomatiche; fu poi dirigente nazionale ecclesiastico della FUCI, quindi in segreteria di stato dal 1937 e capo del servizio segreto vaticano durante la guerra. Dal 1954, arcivescovo di Milano, spiccò infine il volo verso il soglio di Pietro raggiunto nel 1963. Da allora cercò infine, in tempi difficili per la Chiesa dominante, di mettere pezzuole alle poche smagliature progressiste che seguirono al Concilio Vaticano II. A completar l’opera, in tempi più facili e di sbrago, ci pensò il Polacco, peraltro già assurto alla canonizzazione ad opera dell’Argentino.

    Andrea Breda