(red.) Nel primo pomeriggio di martedì 20 dicembre, pochi minuti prima delle 13, i soccorritori sono stati impegnati in un’operazione di salvataggio sul monte Maniva, tra alta Valtrompia e Valsabbia, nel bresciano. La zona è quella del Dasdanino, sul Dasdana e nei pressi dell’omonimo laghetto, sul fronte opposto rispetto a dove sabato 16 aveva perso la vita Pierangelo Turri Zanoni di Vestone. Stavolta è rimasto coinvolto uno scialpinista 71enne di Montichiari che si trovava sul posto, da solo, per praticare l’attività sportiva.

Ma, probabilmente dopo le nevicate dei giorni precedenti e la temperatura scesa fino a oltre 10 gradi sotto lo zero, la superficie di movimento era diventata una lastra di ghiaccio. Proprio su questa l’anziano sportivo è scivolato facendo un volo di alcune decine di metri e riportando diverse fratture e ferite.

Per fortuna, è rimasto cosciente riuscendo ad allertare il 112 dal suo cellulare. Sul posto sono arrivati quindi i carabinieri sciatori di Bagolino a bordo di una slitta per verificare cosa fosse successo, mentre da Brescia è giunto l’elicottero. I soccorritori da terra hanno notato che il 71enne accusava una leggera ipotermia, l’hanno imbragato al verricello e poi in volo verso l’ospedale Civile di Brescia in codice rosso. Non sarebbe in pericolo di vita.

Comments

comments