(red.) La sicurezza a Brescia città è diventato un tema centrale dopo quanto accaduto nei giorni precedenti a venerdì 15 dicembre, tanto da far convocare una riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica in prefettura. Facendo dire alle forze in campo che “Brescia è abbastanza sicura”. L’argomento è stato ripreso giovedì 14 in occasione della presentazione del bilancio delle attività condotte in tutto il 2017 da parte della Polizia locale.

Aldilà della strada, tra il 2016 e 2017 gli agenti in capo a palazzo Loggia hanno compiuto 243 arresti e puntato l’attenzione soprattutto sullo spaccio di sostanze stupefacenti e l’inciviltà. E il sindaco Emilio Del Bono, con l’assessore alla Sicurezza Valter Muchetti e il corpo della municipale in via Donegani, ha parlato di controlli aumentati in ogni ambito e zona e del fatto che “Brescia è più sicura rispetto a quando amministrava il centro destra”. Le zone più strategiche e interessate dai controlli sono state quelle del Carmine, stazione ferroviaria e in via Milano.

In linea generale, tutti gli interventi seguiti da sanzioni sono raddoppiati e in alcuni casi sono aumentati anche di doppia cifra. Al centro, come di consueto, ubriachezza molesta, bivacchi, consumo di alcol, accattoni e atti illeciti. Dalla presentazione è stato confermato che in assistenza alla Polizia locale arriveranno anche tre droni per valutare la sicurezza dall’alto, lo spray al peperoncino come autodifesa in dotazione agli agenti e sette operatori in più in organico da gennaio 2018.

Comments

comments

3 Commenti

  1. “Brescia è abbastanza sicura”…….quell’abbastanza la dice lunga!
    Rispediamo all’estero tutti gli stranieri irregolari e tutti gli stranieri con la fedina penale sporca…..forse allora potremo affermare “Brescia è abbastanza sicura”.

  2. Tutto bene, numeri a dooppia cifra, pure i droni e lo spray al peperoncino: siamo già in campagna elettorale e soprattutto le promesse, che il proverbio vorrebbe essere debiti, cominciano a piovere a raffica. Il tema sicurezza è però troppo delicato e frutto di percezione quasi epidermica dei cittadini per poter essere ricondotto solo a dati e statistiche. Non a caso si legge “Brescia, abbastanza sicura” con un sorta di inconfessabile, ampia, spannometrica approssimazione…