(red.) Giovedì 14 dicembre, presso il Castello della città di Desenzano del Garda, si è tenuta una riunione del Comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica, presieduto dal prefetto di Brescia Annunziato Vardè, al quale hanno preso parte, fra gli altri, il sindaco Guido Malinverno, il Questore Vincenzo Ciarambino, il tenente-colonnello Oreste Gargano per il comando provinciale dei carabinieri, il comandante provinciale della Gdf colonnello Salvatore Russo. E ancora Giuseppe Santucci delle Fiamme Gialle di Desenzano e Carlo Alberto Presicci comandante della polizia locale, il dirigente del commissariato Bruno Pagani e in fine il comandante della compagnia dei carabinieri Massimo Cicala.

Nei primi nove mesi dell’anno, a Desenzano del Garda, complessivamente i reati sono diminuiti di circa il 20%: è quanto emerge dai dati resi noti dalla Prefettura confrontando il periodo gennaio-settembre 2016 con quello del 2017. In particolare i furti in abitazione si sono ridotti di quasi il 40%, quelli delle auto del 27,50%, gli scippi del 66%; le rapine nei negozi sono calate dell’83% e quelle nelle abitazione del 40%. Sono aumentati del 37,5%,invece, invece le truffe e le frodi informatiche e del 15% i cosiddetti furti con destrezza.

Il Comitato, preso atto dei dati, ritiene che la situazione dell’ordine e sicurezza pubblica nella città di Desenzano non desta particolare allarme e peraltro, come convenuto anche dai consiglieri comunali presenti all’incontro, gli autori degli  episodi delittuosi verificatesi nei mesi estivi che hanno creato preoccupazione nella comunità, sono stati immediatamente individuati.
Nel corso dell’incontro si è data notizia del fatto che verrà a breve attivato il Piano di controllo coordinato del territorio analogamente a quanto già avviene nella città di Brescia.

“Abbiamo rilevato una diminuzione dei reati”, ha spiegato Vardè. “Non esiste un particolare allarme. Stiamo lavorando all’attivazione di un Piano di controllo coordinato del territorio per una migliore utilizzazione delle forze di polizia. Ci sarà un costante presidio nelle 24 ore fra carabinieri, polizia di Stato e Locale, e Guardia di Finanza. Un sistema già attivato a Brescia e ora anche a Desenzano”.
“I dati dimostrano ampiamente una situazione di normalità”, ha concordato Ciarambino. “C’è un regresso soprattutto dei reati che creano maggiore scalpore”.
Il Prefetto ha infatti segnalato che il Piano di controllo coordinato del territorio è al momento avviato unicamente nella città capoluogo, e verrà attivato anche a Desenzano attesa la contestuale presenza della Compagnia dei Carabinieri ed il Commissariato della Polizia di Stato.

Comments

comments