(red.) La stazione degli autobus di Salò, sulla sponda bresciana del lago di Garda, è uno degli snodi fondamentali dal punto di vista della circolazione e anche dei turisti che, privi di mezzi di trasporto, arrivano in città sui mezzi pubblici. Un’area strategica, quindi, ma che nelle ore e nei giorni precedenti a mercoledì 13 dicembre è diventata una zona di risse. L’ultimo episodio in ordine di tempo, di cui dà notizia il Giornale di Brescia, si è verificato nella prima serata di lunedì 11 quando alcuni ragazzi si sono colpiti a calci e pugni tanto da far intervenire i carabinieri e un’ambulanza.

Alcuni di loro hanno riportato ferite al volto e uno addirittura si è rotto il naso. Un’escalation che fa preoccupare i commercianti di largo Dante Alighieri, proprio davanti alla stazione, che rischia di essere meno frequentata, soprattutto di sera, proprio per questi episodi. I negozianti hanno già allertato il sindaco Giampiero Cipani che ha attivato i volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri per dare assistenza nei controlli. Un altro caso era avvenuto al parcheggio ex Civico dove il custode che aveva rimproverato alcuni ragazzi alle prese con il fumare aveva rimediato le botte. Di fronte a questa situazione, il primo cittadino si dice pronto a rivolgersi alla prefettura di Brescia.

Comments

comments

1 COMMENTO