(red.) di Sandra Perini
Lo zenzero (Zingiber) è una radice conosciuta dall’antica Roma per le sue straordinarie proprietà. Il suo profumo è inconfondibile e il sapore è un po’ forte e piccante.
Indispensabile per la stagione fredda, è considerata dalla medicina orientale una radice miracolosa in grado si alleviare molteplici disturbi. I principi attivi della pianta si concentrano tutti nella sua radice: sostanze non volatili, come i gingeroli, resine e mucillagini.
In commercio si trova in forma di radice fresca o essiccata, ridotta in polvere o in forma di estratto. La polvere di radice di zenzero essiccata è in genere incapsulata e venduta in compresse. Inoltre si può trovare in commercio il famoso zenzero candito.
Anche l’olio essenziale di zenzero è ricco di importanti proprietà. Infatti è antinausea, tonificante, antidolorifico, digestivo, antivirale e afrodisiaco.

Possiamo elencare così le sue proprietà:
1) Formidabile antisettico e antibiotico: previene e migliora la guarigione in caso di raffreddore e influenza. È mucolitico e allevia il mal di gola
2) Migliora la digestione, calma la nausea ed è un’arma efficace contro l’ulcera. Utile contro l’alitosi.
3) Migliora la circolazione del sangue
4) E’ antinfiammatoria: allevia dolori muscolari e articolari
5) Accelera il metabolismo quindi utile in tutte le diete dimagranti
6) Previene il tumore al colon e al retto. La ricerca è pubblicata sul Cancer Prevention Research: la ricerca è stata condotta dall’Università del Michigan

Nella stagione invernale possiamo affidarci a questa meravigliosa quanto semplice tisana che si prepara sbucciando una radice di zenzero fresco, tagliandola in piccoli pezzetti, ne bastano 2/3 pezzetti. Si fa bollire l’acqua e lo zenzero per circa quattro minuti, si spegne la fiamma e si aggiunge il succo di limone spremuto fresco, si cola il tutto e si mette un cucchiaino di miele, d’acacia o di lavanda è ideale, o a seconda dei gusti.
Oppure si può preparare un centrifugato detox e stimolante delle difese immunitarie con 2/3 pezzettini di zenzero fresco, mezzo limone, mezza barbabietola, 1 carota.
L’uso dello zenzero dovrebbe essere soggetto a consulto medico nei seguenti casi: gravidanza e allattamento, se si assumono farmaci antinfiammatori, se si assumono farmaci antiaggreganti e anticoagulanti (come la cardioaspirina) a causa dell’effetto fluidificante dello zenzero. 

La Naturopatia è un insieme di discipline olistiche complementari che si occupano dello stato di salute della persona attraverso una valutazione energetica e funzionale. Essa attiva la forza di autoguarigione insita nella persona e la sua capacità di autoregolazione utilizzando metodiche e rimedi naturali. Opera nell’ambito della prevenzione attraverso la disintossicazione a livello fisico ed emotivo, mentale ed energetico. Non si sostituisce ad un parere medico, anzi, in molti casi, il Naturopata collabora con il medico promuovendo anche il percorso di consapevolezza della persona. 

Sandra Perini, naturopata, aromaterapeuta e psicoterapeuta, lavora a Brescia. Visita il suo sito e segui le sue conferenze. 

Ecco altri approfondimenti  

Ipertensione? La lavanda ti può dare una mano

Melograno: frutto di stagione con bonus vitaminico

Smog e Pm10: tre ingredienti per difendersi

Aromaterapia contro i malanni dell’autunno

 

Comments

comments