(red.) Niente da fare per il Brescia calcio femminile che mercoledì sera 15 novembre sul campo del Montpellier ha subito una sonora sconfitta per 6-0 dalle francesi. Così le ragazze di mister Piovani devono abbandonare la Champion’s League, anche dopo l’andata a Lumezzane che aveva visto il Montpellier vincere per 3-2. Ecco il tabellino e la cronaca del match.

MONTPELLIER-BRESCIA 6-0

MONTPELLIER: Gerard, Torrent, Agard (1′ st Torrecilla), Sembrant, Karchaoui, Cayman, Dekker, Toletti, Veje (15′ st Le Bihan), Blackstenius, Jakobsson (24′ st Leger). A disposizione: Philippe, Romanelli, Gauvin, Thomas. All. Saez.
BRESCIA: Ceasar, Hendrix, Fusetti, Mendes (21′ st Pettenuzzo), Di Criscio, Sikora (1′ st Giacinti), Giugliano, Daleszczyk (15′ st Heroum), Girelli, Bergamaschi, Sabatino. A disposizione: Marchitelli, Boglioni, Cacciamali, Ghisi. All. Piovani.
Arbitro: Katalin Kulcsar (HUN).
Reti: pt 19′ Dekker, 25′ Jakobsson, 37′ Veje; st 22′ Toletti, 37′ Leger, 40′ Torrecilla.
Note: spettatori 2.551. Ammonite Toletti, Giugliano. Espulsa Pettenuzzo per doppia ammonizione. Angoli 11-2. Recupero 0 e 2′.

Il Brescia Calcio Femminile incappa nella prima sconfitta pesante della stagione sul campo del Montpellier e abbandona l’edizione 2017-18 della Champion’s League agli ottavi di finale. Allo stadio “La Mosson” di Montpellier termina 6-0 per la squadra di Saez, una gara nella quale le leonesse hanno tenuto testa alta per una ventina di minuti, poi l’uno-due del Montpellier nell’arco di sei minuti ha “tagliato le gambe” a Girelli e compagne, anche se sull’esito del match pesano alcune ghiotte occasioni che il Brescia non ha saputo sfruttare. Le francesi partono con il piede sull’acceleratore e collezionano corner nei primi minuti di gioco. Al 14′ Veje spara un bolide che Ceasar devia bene sul fondo.

Dopo altri cinque minuti ecco il vantaggio del Montpellier: esecuzione perfetta dalla sinistra di Toletti su calcio d’angolo per la testa di Dekker, tiro su cui Ceasar non può nulla. Al 25′ il Montpellier raddoppia: Dekker trova fra le linee Jakobsson, ma l’attaccante è in ritardo, Ceasar esce in scivolata, ma il suo intervento trova sulla ribattuta ancora Jakobsson che insacca. Al 30′ botta da fuori di Cayman e intervento in due tempi ancora di Ceasar. Le francesi non si fermano e al 37′ trovano il gol che mette in cassaforte la vittoria. Da un calcio d’angolo del Brescia la squadra transalpina riparte in contropiede, Blackstenius allarga per Veje in area e la danese fa 3-0 in diagonale. Nel secondo tempo Piovani mette Giacinti a posto di Sikora. E al 12′ è proprio la bergamasca ad avere la prima, vera palla gol per il Brescia. In area si libera di Dekker e mette i brividi a Gerard con una rasoiata che fa la barba al palo alla sinistra del portiere.

Poi arriva il poker del Montpellier. Al 22′ Toletti lascia partire dal limite un destro velenoso che Ceasar non riesce a fermare. Al 26′ della ripresa l’azione più ghiotta per le leonesse. Apertura di Giugliano per Giacinti e l’attaccante, a tu per tu con Gerard spara sul portiere e sulla ribattuta fa la stessa cosa anche Sabatino. Al 29′ l’arbitro espelle Pettenuzzo dopo un fallo. Al 33′ è ancora Blackstenius a farsi viva dalle parti di Ceasar colpendo il palo. In superiorità numerica il Montpellier dilaga prima con Leger e infine con un tiro dai 40 metri di Torrecilla che sorprende Ceasar fuori dai pali.

“Stasera avevamo alcune pedine fuori forma, stanche, oltre a Tomaselli influenzata. Il Montpellier ha potuto godere di un turno di riposo in campionato e stasera ha dimostrato di avere una panchina più lunga della nostra – ha commentato mister Piovani al termine della partita.- Nonostante questo se non avessimo commesso alcuni errori sotto porta e l’arbitro non avesse fischiato fuorigioco su due nostre ripartenze regolari sono certo che la sconfitta non sarebbe stata così pesante. Il Montpellier è passato con merito e noi dobbiamo imparare da questa lezione per dare il meglio in campionato e continuare a dare la caccia alle competizioni nazionali. Sono fiero delle mie ragazze, ora testa al Chievo, una gara di campionato difficilissima”.

Comments

comments

1 COMMENTO