(red.) Nella notte di venerdì 3 novembre due gruppi sono venuti alle mani in via Gherla a Desenzano del Garda, nel bresciano. E’ successo dopo la mezzanotte quando tre dipendenti cinesi di un ristorante sushi di via Dal Molin avevano concluso la giornata di lavoro e a piedi stavano per tornare a casa. A un certo punto, come scrive Bresciaoggi che ne dà notizia, sulla loro strada hanno incrociato tre giovani, anche loro stranieri.

Non si capisce cosa sia accaduto, ma sembra per futili motivi, i sei sono rimasti coinvolti nella rissa. Poi i tre sconosciuti sono fuggiti, mentre i tre dipendenti hanno avuto la peggio: lussazione di una spalla per uno e varie contusioni per un altro. Questi hanno chiamato i soccorsi al 112 facendo arrivare un’ambulanza, oltre a una pattuglia dei carabinieri per verificare la dinamica della rissa.

Due di loro sono stati portati in ospedale e avranno 30 giorni di prognosi, mentre il terzo ha rifiutato il trasferimento. Ora spetta ai tre decidere se denunciare il gruppo facendo partire le indagini, oppure se lasciar perdere.

Comments

comments

2 Commenti

  1. Mi permetto, sbagliando sicuramente, di interpretare la frase estrapolata dall’importante articolo di cronaca Desenzanese: “…se denunciarli oppure se lasciar perdere”.
    Non sara’ questo il caso, sicuramente, denunciare, forse, non serve a nulla. Cerca di capirmi, ragiono cercando di non fare riferimento al caso particolare oggetto dell’articolo.
    La maggior parte dei balordi/”delinquenti” sono nullatenenti quindi a seguito di denuncia o meglio a seguito di arresto in flagranza di reato , se processati, per esempio per direttissima hanno diritto ad un Avvocato (che paghiamo noi cittadini), hanno diritto, pur sapendo benissimo parlare italiano, ad un interprete perché di colpo davanti al Comandate e successivamente davanti al Sig. Giudice non capiscono quello che gli viene detto (ed ovviamente paghiamo noi cittadini anche questo servizio), hanno diritto ad un giusto processo con personale della Giustizia che paghiamo sempre noi cittadini (Giudici, Cancellieri, Impiegati del Tribunale, Polizia Penitenziaria, carte , bolli ecc), quanto sopra condito ovviamente con vitto e alloggio offerto dallo Stato Italiano…
    Il tutto per essere rilasciati quando va male qualche giorno dopo!
    Che qualcosa non funziona qualcuno responsabilmente potrebbe anzi dovrebbe prendere provvedimenti!
    Questo a tutto vantaggio della mala casalinga e straniera che sa benissimo come funziona in Italia.
    “lasciar perdere…”