(red.) Il bivacco di San Glisente e due stanze usate dagli escursionisti a 2 mila metri di altezza a Berzo Inferiore, in alta Valcamonica, nel bresciano, sono stati “visitati” dai ladri e vandali. E’ successo nella notte di domenica 5 novembre quando qualche ignoto ha raggiunto la struttura in quota e forzato la porta d’accesso. Sono stati portati via diversi attrezzi, tra un decespugliatore, una motosega e utensili vari, oltre ad alcuni elementi presenti nella cassetta del pronto soccorso.

Poi la “visita” dei malintenzionati ha coinvolto anche la cucina, altre cassette degli attrezzi e le offerte inserite in contenitori dedicati dagli escursionisti e con cui aiutare a coprire i costi di manutenzione del bivacco. Ad accorgersi del raid sono stati alcuni cacciatori che lunedì all’alba si sono mossi sulla zona e hanno notato l’accesso forzato del rifugio.

Quindi, hanno subito allertato i responsabili dell’associazione che si occupa della cura e gestione della struttura e che dovranno spendere centinaia di euro per rimettere tutto a posto. E da qui arriva l’appello a segnalare da chiunque abbia visto strani movimenti sul posto.

Comments

comments