(red.) Nella notte di giovedì 2 novembre a Carpenedolo, nel bresciano, è stato arrestato un 49enne marocchino residente in paese e dipendente da più di vent’anni di un’azienda collegata all’Apam. Si tratta dell’impresa che gestisce il trasporto pubblico con i pullman tra Brescia, Carpenedolo e Montichiari verso Mantova. L’addetto era impiegato a rifornire di carburante proprio gli autobus per i turni di servizio, ma peccato che non si limitasse solo a caricare i mezzi pesanti, bensì anche a scaricarli.

Se ne sono accorti i carabinieri locali nel momento in cui lo hanno sorpreso al termine del turno di lavoro. Infatti, con il suo furgone, il 49enne caricava fusti di gasolio che rubava dalla stessa azienda per poi condurli all’esterno. Nell’ultimo caso, quello che lo ha portato alle manette, nel piazzale dell’impresa sono stati trovati 600 litri di carburante pronti per essere rubati.

Il dipendente infedele è stato quindi arrestato e condotto in carcere in attesa della convalida del fermo e con l’accusa di peculato. Le forze dell’ordine stanno continuando a indagare per capire se quel traffico di gasolio rubato facesse parte di una rete e se ci fossero complici in questa operazione tra l’interno e l’esterno dell’azienda.

Comments

comments