(red.) Due giovani, un 13enne bresciano e un 17enne bergamasco, ma entrambi di nazionalità rumena, hanno perso la vita in un tragico incidente stradale avvenuto mercoledì pomeriggio 1 novembre a Palosco, nella provincia orobica. Si tratta rispettivamente di Pietro Joia residente a Rudiano e di Francesco Gheorghe di Palosco. Viaggiavano a bordo di una Ford Focus intorno alle 16,30 con altre tre ragazzi – di cui un 24enne, un 15enne e un 18enne – anche loro rumeni, su una strada stretta che da Palosco porta verso Cividate.

E’ probabile che la vettura stesse procedendo in direzione di Rudiano per accompagnare a casa uno dei giovani, ma a un certo punto il conducente avrebbe perso il controllo del mezzo, forse anche per l’alta velocità. Così facendo, l’auto è uscita di strada finendo sulla ciclabile, poi contro un albero e una cabina in cemento per il rimontaggio idrico. Nello schianto il 24enne e il 15enne hanno riportato serie ferite e sono stati condotti in volo all’ospedale Civile di Brescia, mentre il 18enne di Pontoglio non sarebbe in gravi condizioni. Al contrario, il 13enne e il 17enne hanno perso la vita sul colpo.

La zona in cui sono intervenuti i vigili del fuoco con le ambulanze, l’elicottero e i carabinieri di Treviglio per i rilievi, è quella di via Cherio tra l’omonimo fiume e l’Oglio. Ora le indagini dovranno appurare chi stava guidando e se era nelle condizioni ottimali per farlo. Pietro Joia era molto conosciuto a Rudiano, paese di residenza, anche per essere iscritto, pare con l’altra vittima, all’indirizzo Elettrico del centro di formazione professionale Zanardelli di Chiari. Il giovane lascia i genitori e tre fratelli, un’intera famiglia scioccata in via De Gasperi. Anche l’amministrazione comunale di Rudiano ha espresso il proprio cordoglio per il dramma. Le operazioni di soccorso si sono concluse solo dopo le 22 quando sono stati recuperati i corpi dei due giovani.

Comments

comments